was successfully added to your cart.

Comunicazione

Quanto costa telefonare all’estero

By giugno 9, 2017 No Comments

Parto da un articolo de Il Post che fa il punto sui costi del roaming internazionale degli operatori italiani. L’Unione Europea si è spesa molto su questo tema, così come sul WiFi4EU peraltro, parole su parole che adesso si concretizzano

Dal 15 giugno infatti i costi che siamo abituati a sostenere per telefonate, SMS, ma soprattutto internet DEVONO rimanere gli stessi all’interno dell’Unione Europea.

Riprendo il riepilogo che ha fatto Il Post in una tabella, magari è più comoda e veloce da consultare in caso di bisogno, soprattutto per sapere chi, tra le diverse compagnie, si è già adeguata alla normativa EU.

I costi per telefonate e SMS sono gli stessi in Italia come all’estero dell’EU. Attenzione al traffico dati: per sicurezza disattivate il roaming. Per ora non sembra che TIM abbia disattivato le maggiorazioni per quanto riguarda internet oltre confine. Probabilmente partirà a farlo proprio dopo il 15/06.

Vodafone, a dispetto di TIM, si adeguerà alla direttiva EU solo a partire dal 15 giugno, ma lo farà con tutto il parco dei suoi servizi: telefonate, SMS e soprattutto internet.

Sia Wind che 3Italia si sono già adeguati alla normativa EU giorni fa. Da notare che se sono attive offerte dedicate per l’estero queste possono essere più costose del normale tariffario! Fanno notare da Il Post infatti che queste offerte, essendo state pensate in epoca “pre direttiva EU”, adesso potrebbero essere più costose. Quindi controllate e disdite/cambiate!

WiFi4EU cosa è come fare

I paesi in cui sarà possibile usare il telefono senza preoccuparsi di costi aggiuntivi saranno:

Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Lettonia, Lituania, Lichtenstein, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria.

Anche Guadalupa e la Guyana Francese, Gibilterra e le Canarie perché territori appartenenti a paesi membri EU.

Piaciuto il post?

Iscriviti per tutti gli approfondimenti e dossier settimanali: