was successfully added to your cart.

BusinessComunicazione

Medium in Crisi: Cosa è Successo e Perché è Importante

By gennaio 10, 2017 No Comments
Medium in crisi cosa è successo
Da sapere:

  • Medium è stata fondata nel 2012
  • Evan Williams è il fondatore: già cofondatore di Twitter e Blogger
  • The New York Times (1.6M di ricavato nel 2014) e Axel Springer (3M di ricavato annuo) sono tra gli azionisti
  • Ha una valutazione di 600m di dollari
  • Licenzia 50 persone

La notizia è del 4 gennaio quando il fondatore della famosa piattaforma di blog ha annunciato che licenzierà un terzo degli impiegati, chiudendo le sedi di New York e Washington D.C.. Ha anche detto che da adesso si concentreranno nello studiare un nuovo sistema per monetizzare tutto il lavoro di chi scrive all’interno di Medium, valorizzando i contenuti e dando meno valore al circolo vizioso che vede le prestazioni della pubblicità (click su banner) completamente distaccate dai contenuti e (aggiungo) dalla responsabilità di chi scrive e ospita spazi pubblicitari. Dove quindi qualità e accuratezza possono andare in secondo piano.

Upon further reflection, it’s clear that the broken system is ad-driven media on the internet. It simply doesn’t serve people. In fact, it’s not designed to. The vast majority of articles, videos, and other “content” we all consume on a daily basis is paid for — directly or indirectly — by corporations who are funding it in order to advance their goals. And it is measured, amplified, and rewarded based on its ability to do that. Period. As a result, we get…well, what we get. And it’s getting worse.

Ev Williams

Per cominciare bisogna anche dire che Williams non ha licenziato un terzo della forza lavoro di Medium (solo) perché si è improvvisamente accorto che il sistema deve cambiare e quindi provvederà lui a “disrupt“, smantellare, l’industria dell’editoria; ma forse anche perché la raccolta pubblicitaria della sua piattaforma ha subito un duro colpo (come Twitter del resto) dal duopolio Google-Facebook.

Ad oggi è ancora mistero sul business model di Medium. Probabilmente il futuro sarà fatto di micropagamenti (cioè gli utenti pagheranno poco, ma molto, ricalcando la strategia di mercato della “Coda lunga”), ma la sensazione è che, come scrive Leonid Bershidsky su Bloomberg, Medium non abbia idea di come proseguire la sua avventura con l’aggravante di aver esordito nel settore dell’editoria con la strafottenza di risolvere il problema alla faccia dei diversi attori presenti da anni, in difficoltà sullo stesso tema: monetizzare l’informazione.

Altra opzione, già suggerita a Airbnb, potrebbe essere quella dell’abbonamento.

Williams ha fatto tutto da solo, senza cioè anticipare niente agli editori che già usano la sua piattaforma. Sono diversi infatti a riversare lì i loro contenuti. Tanto che c’è chi aveva appena portato tutte le sue risorse su Medium quando si è visto arrivare l’annuncio di Williams. Il che non è sicuramente di buon auspicio.

Adesso chi rimarrà e pubblicherà contenuti lo farà con alcuni servizi mancanti (come per esempio i contenuti sponsorizzati, agevolati da Medium all’interno della stessa piattaforma). Di conseguenza, seguendo quanto detto da Williams, praticamente gli editori abbandoneranno il sistema della pubblicità per abbracciare altre forme, come per esempio “native advertising”, ma saranno lasciati da soli.

Come fa notare Michael Macher, Associate Publisher di The Awl:

Advertising is business as usual. The big difference is that we no longer offer banner ads and we’re not working with ad exchanges or networks anymore. We’re more focused on high-gloss custom editorial now. We do content marketing deals and sponsored posts with brands, and we have a few of those deals in the works. Medium also sources some deals and we produce content for them; we worked on a great program for the financial tech company SoFi, and there’s more coming down the pike

Michael Macher

La lezione che ne impariamo è che non è facile scardinare un sistema e trovare la quadra di un modello di business dal niente. Oltre a conoscere l’ambiente bisogna lavorare sodo, forse quattro anni di (modesti) tentativi sono pochi.

Così, aspettando novità dallo stesso Williams in merito al futuro, Medium per ora rimane un esperimento (quasi) fallito. L’editoria evidentemente dovrà aspettare ancora un po’ per essere “disrupt”. 

Ti può interessare anche: Il Modello BuzzFeed

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: